sabato 27 ottobre 2012

Il DNA: visioni artistiche!!!



Visionando il sito a scuola di Guggenheim con i miei studenti ci siamo imbattuti in un'interessante esperienza dedicata all'interpretazione grafica di visioni scientifiche che avevano come soggetto principale il DNA. Gli alunni partendo dall'osservazione di tali immagini hanno prodotto dei veri e propri elaborati artistici!!!


Flavia D.

Melissa D.

Rosita V. 

sabato 20 ottobre 2012

Occhio al punto!!!

Anche i ragazzi della 1A di Faella hanno sperimentato la tecnica del puntinismo ecco i risultati!!!!



Gioele F.

Giada M.

Sofia M.

Linda O.

Daniela U.

Lavinia D.

Dietro il dipinto: Classe 2

Dietro il dipinto: Classe 2:


Masaccio nasce il 21 dicembre del 1401 a San Giovanni Valdarno, nella casa attualmente al n. 83 di Corso Italia e a Cascia di Reggello è conservato il trittico di San Giovenale, la prima opera dell'artista: è quindi un artista del nostro territorio!!!! Cari studenti ecco le schede da studiare su Masaccio!!! Se volete ulteriori informazioni sull'artista e le opere vi lascio un link dove potete esaudire le vostre curiosità!!!
www.museomasaccio.il

mercoledì 17 ottobre 2012

domenica 14 ottobre 2012

Occhio al punto 2° parte!!!

Ecco alcune prove della classe 1A di Pian di Scò .................bravi ragazzi!!!


Alessio F.

Arianna F.

Asia

Matteo B.

Occhio al punto!!!!

Nelle classi prime abbiamo sperimentato la tecnica del puntinismo e questi sono i risultati della classe 1A di Castelfranco!!!!!!!!!!!!

Alice B.

Alessia C.


Camilla S.

Christian C.

Elisa B.

Filippo F.

Gaia C.

Lucia M.

Lucrezia P.

Nicola F.

Jacopo V.

Tommaso B.

Chiara V.

giovedì 11 ottobre 2012

Ancora ingrandimenti!!!

Ecco alcuni ingrandimenti della 3A di Faella!!!!!!!! Bravi ragazzi................

Alessandro F.

Alessandro F.

Alessandro F. 

Alex V.

Alex V.

Alisia B.

Alisia B.

Fabiana F.

mercoledì 10 ottobre 2012

Dietro il dipinto: Classe 3


La scultura e la pittura barocca

Carissimi studenti pubblico le schede da studiare per il periodo barocco .................... buono studio !!!!!

martedì 9 ottobre 2012

Che emozione visitare il Quai Branly Museum a Parigi



Il Museo dedicato alle arti e civiltà d'Africa, Asia, Oceania e Americhe a Parigi a due passi dalla Torre Eiffel, affacciato sulla Senna fin dalla sua apertura nel giugno del 2006 aveva destato un grande interesse: il progetto di Jean Nouvel rappresenta una tappa fondamentale nel panorama dell'architetttura museale contemporanea. E’ il museo più importante nel mondo dedicato alle arti e alle civiltà primitive e vanta una collezione di circa 30000 pezzi, divisi per area geografica. L'edificio è allo stesso tempo museo, centro di ricerca e luogo pubblico:  all'esterno la fusione con la natura è totale, lo circondano alberi, colline artificiali, specchi d'acqua e piante di ogni tipo, mentre all'interno  pochissimi raggi di sole penetrano attraverso le logge frangisole in legno illuminando gli oggetti esposti. Il luogo è veramente suggestivo, si respira un'atmosfera magica. Il museo è noto per il grande muro verde che riveste la facciata rivolta verso la Senna. Si tratta di una creazione dell’artista botanico Patrick Blanc, famoso per i suoi prati verticali che impreziosiscono la facciata. Per il Museo Quai Branly di Parigi, l'artista ha realizzato un muro vegetale di 800 mq con 15.000 piante di 150 differenti specie provenienti da Giappone, Cina, Europa centrale e Stati Uniti. A contribuire alla sostenibilità del complesso, un impianto di pannelli fotovoltaici riveste le pareti verticali ed i tetti, mentre sonde geotermiche nel sottosuolo, sfruttano l’inerzia termica del terreno per risparmiare energia per la climatizzazione. Cari amici se vi recate a Parigi non potete rinunciare al Quai Branly ......  è un museo moderno, ricco di opere ed informazioni, ospitato in una struttura che ha fatto meritare al suo ideatore il premio Pritzer (una sorta di nobel per l’architettura)… insomma è proprio una visita da non perdere!











domenica 7 ottobre 2012

Le ciotole in cartoncino!!!!


Grazie al blog artisticascuola di Irene Botturi dove ho potuto ammirare le creazioni dei suoi studenti, ho proposto ai miei studenti di costruire con il cartoncino una ciotola modello Munari e di decorare il modello ottenuto. Ecco alcune realizzazioni della classe 2a di Castelfranco di sopra: bravi ragazzi!!!!


Carlo F.


Carlo F. 


Claudia B.


Claudia B. 


Aggiungi didascalia

giovedì 4 ottobre 2012

Disegnare con le griglie

Personalmente non amo disegnare con le griglie ma ai miei studenti è piaciuto molto questo metodo. Questi sono i passaggi che hanno seguito: 
  1. Gli alunni hanno disegnato la griglia sulla fotocopia del soggetto scelto con una pennarello a punta sottile permanente o una normale penna a sfera. 
  2. Successivamente hanno regolato le dimensioni della griglia sul foglio da disegno in funzione della dimensione del disegno finale. Se la griglia di partenza è composta da quadrati da un centimetro, potete raddoppiare la dimensione del disegno raddoppiando la dimensione dei quadrati sul foglio da disegno, e così via.
  3. Per aumentare la precisione dei riferimenti da prendere sulla foto di partenza si può tracciare oltre ai quadrati della griglia le diagonali.
  4. Per aumentare il dettaglio della riproduzione si può anche – nelle zone più ricche di particolari – dimezzare la dimensione della griglia. Per esempio, se la  griglia è di due centimetri, nelle zone più particolareggiate si può raddoppiare la quadrettatura facendo dei quadrati da un centimetro.
  5.  Se disegnando alcune linee si è  sbagliato riquadro, basta cancellare il contenuto del riquadro sbagliato e tracciare di nuovo il disegno corretto. Quindi gli studenti hanno cercato di tenere leggero tutto il lavoro, le linee leggere si cancellano molto facilmente e senza danni!
  6. Dopo aver riprodotto il soggetto si è ripassato con pennarello nero a punta fine e di è successivamente cancellato la griglia.
  7. Nell'ultimo passaggio hanno proceduto con la stesura del colore.
Ecco alcune opere delle 3A di Pian di Scò!!!!!

Lorena M.

Lorena M. 

Lorenzo F.

Martina B. 

Tommaso B.